Luoghi della medicina tra Padova e Venezia

Modalità di viaggio:

Il Veneto vanta un’antica tradizione di studi sulla medicina a partire da Padova, sede di un’antichissima università tuttora operante e prestigiosa.

La ricerca medica e farmacologica hanno favorito la costituzione di luoghi in cui si coltivavano le piante, come l’Orto Botanico, e di importanti collezioni di libri e strumenti ad uso della professione medica come quelle della Biblioteca Pinali antica.

A Padova  nasce la moderna anatomia. Nel 1594, per iniziativa del medico e anatomista Girolamo Fabrici d’Acquapendente, viene disposta la costruzione di un Teatro anatomico stabile, primo esempio al mondo di struttura permanente creata per l’insegnamento dell’anatomia attraverso la dissezione di cadaveri.

Altrettanto antica e radicata è nel Veneto la tradizione di cura e assistenza dei malati, come attestano alcune istituzioni di cui restano ben evidenti tracce monumentali quali l’Ospedale Civile di Venezia con la Farmacia, il Museo e la Biblioteca che conservano strumenti e reperti medici insieme a preziosi atlanti anatomici. Contigua è la Chiesa dell’Ospedaletto o Santa Maria dei Derelitti, la più antica istituzione di ricovero per anziani, vedove, orfane e indigenti della Serenissima che ne attesta l’attenzione verso le fasce deboli della popolazione.

Il Museo del Manicomio di San Servolo, già adibito a questa funzione fin dal Settecento, conserva importanti documenti sulla storia della cura della pazzia negli ultimi tre secoli a Venezia fino al 1978, quando venne chiuso a seguito dell’approvazione della legge ispirata dal medico veneziano Franco Basaglia (1924-1980).

Percorso a cura di Lorenza Dal Poz - P.O. Ufficio Sviluppo Programmi culturali 

Tappe del percorso

Museo di storia della medicina di Padova. La medicina di ieri e di oggi.

Nato nel 2015 il MUSME si è già affermato come un polo di eccellenza nazionale. Ospitato in una parte dell’antico Ospedale di San Francesco Grande, è dedicato alla divulgazione e formazione medico-scientifica che dal passato arriva fino all’attualità.

Orto Botanico di Padova. Il più antico Orto dei Semplici.

Orto Botanico di Padova. Il più antico Orto dei Semplici.

L’Orto botanico fu istituito nel 1545 per la coltivazione delle piante medicinali, vi si trovavano la grande maggioranza dei "semplici" cioè di quei medicamenti che provenivano direttamente dalla natura.

Teatro anatomico di Padova.

Teatro anatomico di Padova.

Nel 1594 il medico Girolamo Fabrici d’Acquapendente dispone la costruzione di un teatro anatomico stabile, la prima struttura permanente mai realizzata per l’insegnamento dell’anatomia mediante la dissezione di cadaveri.

Biblioteca Pinali Antica di Padova. Libri e strumenti per la professione medica.

All’origine della Biblioteca Pinali Antica fu il lascito di Vincenzo Pinali, docente di clinica medica dal 1857 al 1875, finalizzato all’acquisto di libri e strumenti clinici per gli studenti.

Scuola grande di San Marco a Venezia. La salute nella Serenissima Repubblica.

La Scuola Grande di San Marco a Venezia, parte dell’Ospedale civile, racchiude un complesso monumentale di eccezionale interesse culturale.

Chiesa dell'Ospedaletto a Venezia

Accanto al complesso monumentale dell’Ospedale Civile di Venezia e all’importante chiesa domenicana dei Santi Giovanni e Paolo vi è la chiesa dell'Ospedaletto, o Santa Maria dei Derelitti.

Museo del Manicomio di San Servolo. La cura della pazzia dal '700 a Marco Basaglia.

Il Museo del Manicomio "La Follia Reclusa" espone documenti e strumenti qualitte, blocca caviglie, manicotti, microscopi, strumenti per elettroshock .