Fondo musicale di S Maria della Fava a Venezia

Il Fondo musicale manoscritto della chiesa di S. Maria della Consolazione, detta della Fava, testimonia l'intensa attività di rappresentazione di oratori e musica sacra propria della Congregazione dell’Oratorio, fondata da S. Filippo Neri e approvata da Gregorio XIII nel 1575. A partire dal 1667, con l'inizio della rappresentazione pubblica degli oratori sacri, questa attività si intensificò divenendo per i Filippini un efficace strumento di istruzione spirituale e formazione cristiana.

Il Fondo comprende 764 partiture originali manoscritte provenienti dalla Congregazione dell'Oratorio, contenenti oratori e rappresentazioni sacre che venivano eseguite nella cappella e nell'oratorio della chiesa: sino a tutto il Settecento la Congregazione fu uno dei più importanti veicoli di diffusione della musica sacra a Venezia.
Di altra origine, ma ora inclusi nel Fondo musicale della Fava sono anche quattro codici liturgici medievali con notazione musicale: uno miscellaneo (cod. 71) che contiene due drammi liturgici del XIV secolo attestati unicamente in questo codice e tre importanti corali membranacei con miniature attribuite alla bottega di Neri da Rimini (codd. 72, 73, 74), di cui alcuni fogli sono stati asportati.
Dal 1912 la Biblioteca dei Filippini fu affidata alla cura della Congregazione dei Redentoristi.

Considerata la sua importanza per la storia musicale e culturale veneta del Settecento, la Regione ha sostenuto finanziariamente la digitalizzazione integrale e la pubblicazione online dell’intero fondo musicale manoscritto di S. Maria della Fava, nell'ambito delle politiche di tutela e valorizzazione dei beni librari del territorio.

 

Il Fondo musicale di S. Maria della Fava è integralmente consultabile online anche attraverso il portale Europeana.

Ne è stato redatto anche un catalogo cartaceo: Il fondo musicale della Chiesa di S. Maria della Consolazione di Venezia, a cura di Cristian Bacchi Venezia, Fondazioni Levi, 2002 (Serie 3, Studi musicologici. C, Cataloghi e bibliografie; 9).

È stato realizzato anche il catalogo dei codici medievali della chiesa di S. Maria della Consolazione:
R. Quinto, Manoscritti medievali nella Biblioteca dei Redentoristi di Venezia (S. Maria della Consolazione, detta della Fava), Padova, Il Poligrafo, 2006 (Subsidia Mediaevalia Patavina, 9), consultabile online nel sito regionale Nuova Biblioteca Manoscritta.

Ultimo aggiornamento: 23-01-2020