Il Palio della Guerra di Chioggia - La Marciliana - Chioggia VE

La manifestazione prende il nome dalla “Marciliana”, la nave costruita prevalentemente nei cantieri clugiensi ed utilizzata per il trasporto di mercanzie in Adriatico e nelle rotte verso i porti del Mediterraneo orientale, durante l’epoca veneziana.

Nel XIV secolo Chioggia rappresentava la seconda città del Dogado e il commercio principale era rappresentato dal sale.

Nel 1379 Chioggia fu teatro dello scontro tra le repubbliche di Venezia e Genova in quella che sarà conosciuta come Guerra di Chioggia (1378 – 1381): conquistato il porto di Chioggia nel 1379, i genovesi, grazie all’aiuto di una coalizione costituita da padovani, Ungheresi e dal Patriarca di Aquileia, espugnarono la città riducendola in fortezza per resistere agli attacchi dei veneziani sopraggiunti in soccorso. Dopo un assedio durato un anno i genovesi il 21 giugno furono costretti alla resa, dopo aver saccheggiato e distrutto numerosi monumenti della città. Il 24 giugno 1380 il doge entrò trionfalmente in Chioggia accolto dai pochi clugiensi sopravvissuti.

L’evento bellico fu talmente devastante che Chioggia non raggiungerà più l’antica floridezza.

Oggi, durante la manifestazione che si rifà alle antiche fiere del sale clugensi, la via principale della città si riempie di banchetti e taverne, si svolgono danze, canti, simulazioni di combattimenti ma anche delle attività lavorative dell’epoca, nonchè scene di vita quotidiana.
Infine, i balestrieri mostrano al visitatore bandiere, armature, fedeli e accurate riproduzioni di pezzi originali, e si cimentano nel palio delle balestre grosse o da posta.

Periodo di svolgimento della manifestazione: terzo fine settimana di giugno
 


Per informazioni:
Comitato Palio della Marciliana - Chioggia (VE)
info@marciliana.com
www.marciliana.com

Percorsi in cui la tappa è presente

Palii e rievocazioni storiche - Venezia
Percorso culturale

Palii e rievocazioni storiche - Venezia

Parlare di rievocazioni storiche significa, per un veneto, raccontare un’esperienza emotiva oltreché una testimonianza, una memoria, una tradizione.