BiblioTour – Mestre VE, Villa Erizzo Bianchini

La villa è stata edificata nel XVIII secolo dalla famiglia Erizzo ed acquistata nel 1824 dalla famiglia Bianchini.

Nel 1848 diventa sede del Quartier Generale austriaco. Con la costruzione (metà ‘800) della ferrovia, perde la sua funzione di villa di campagna: trovandosi in una zona strategica tra il centro storico di Mestre e la stazione, sui suoi possedimenti, venduti o espropriati, vengono costruiti fabbricati ed abitazioni.

Nel 1938 viene acquistata dal conte Giuseppe Volpi di Misurata come sede prestigiosa della SADE (Società Adriatica di Elettricità), di sua proprietà.

Nel 2008 viene acquistata dal Comune di Venezia che, dopo un restauro e una riqualificazione, la converte in biblioteca civica.

La struttura si sviluppa su tre piani con un corpo centrale e con ali a terrazza. Nell’edificio sono comprese anche due torrette circolari con tetto a cupola e una piccola cappella privata, edificata del XVII secolo e inglobata nella villa. Al suo interno si trovano affreschi settecenteschi attribuiti ad Andrea Urbani, pittore e scenografo veneziano.

Circondano la struttura degli edifici moderni, costruiti su quello che era il suo parco di 5.000 mq.

Per saperne di più.

Percorsi in cui la tappa è presente

Percorso culturale

BiblioTour Veneto: ville venete

Un viaggio alternativo per vivere la biblioteca a tutto tondo, non solo da dentro, come servizio al cittadino, ma anche “da fuori” alla scoperta di sale con affreschi, colonne, statue e splendidi parchi.