BiblioTour, Follina (Tv), Ex-Lanificio

La biblioteca comunale di Follina occupa una porzione dell’imponente edificio industriale realizzato, su terreni di proprietà della nobile famiglia Gera nei primi decenni dell’800, dall’imprenditore Andrea Andretta, già proprietario di uno stabilimento laniero a Castelfranco Veneto.

Ultimato in sette anni, il complesso industriale è costituito da piani sovrapposti e prende ispirazione da analoghi modelli britannici: quattro sono i piani che si dispongono all’intorno di un’ampia corte allungata dal perimetro rettangolare, permettendo lo sfruttamento delle risorse idriche della sorgente di Santa Scolastica che ne lambisce il lato a nord.

Vi erano impiegati fino ad un massimo di 450 lavoratori, che filavano lane scardassate, ritorte e tinte e producevano stoffe operate, flanelle, satins e tappeti. La produzione proseguì con vitalità per circa 50 anni.

A fronte delle difficoltà di instabilità economica e finanziaria e a problemi legati alla conversione all’uso del vapore, la fabbrica chiuse nel 1898 e rimanendo inoperosa fino al 1904, quando fu acquistata da Giusto Pasqualis, che la convertì in stabilimento bacologico.

Nel 1925 divenne Collegio per la formazione di sacerdoti e scuola privata a seguito della gestione dell’intera struttura da parte dei Servi di Maria, custodi della vicina Abbazia. 
A partire dagli anni ‘90, acquistato dal Comune di Follina, è divenuto struttura assistenziale e sede della biblioteca comunale.

Percorsi in cui la tappa è presente

BiblioTour Veneto: luoghi che non diresti
Percorso culturale

BiblioTour Veneto: luoghi che non diresti

Un viaggio alternativo per vivere la biblioteca a tutto tondo, non solo da dentro, come servizio al cittadino, ma anche “da fuori”.