Archivio delle ex Istituzioni di Ricovero e di Educazione (I.R.E.)

Ospedaletto facciataIndirizzo: Castello 6691 - 30122 Venezia

Telefono: 041.5217472 - 0415217411 (centralino)

E-mail: conservatori@irevenezia.it; info@pec.ipav.it;

Sito web: http://ipav.it/

Accesso: su appuntamento

Responsabile: Presidente delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane – IPAV

Referente per l'archivio: Agata Brusegan

 

 

 

Sede: Dal 2002 l'Archivio è conservato in alcuni locali dell’antico complesso dell’Ospedale dei Derelitti detto Ospedaletto a San Giovanni e Paolo

Nota storica: Gli archivi più che millenari delle "opere pie" veneziane sono confluiti nell'IRE di Venezia, ente che le riunisce sotto un'unica amministrazione dal 1939.
La prima opera pia a Venezia, un ricovero destinato a pellegrini, poveri e ammalati, si fa risalire all'anno 939. Più tardi numerosi altri luoghi pii nacquero e operarono nei secoli della Serenissima fino alla sua caduta nel 1797. Ognuno di questi era amministrato da una commissione di laici (patrizi e cittadini) che legiferava e deliberava in totale autonomia, finché nel 1807 tutte le strutture assistenziali vennero riunite sotto la Congregazione di Carità.
All'interno della Congregazione sorsero agli inizi dell'800 diversi orfanotrofi e una casa di riposo per anziani, mentre continuarono ad operare le storiche opere pie come le Zitelle, i Catecumeni, le Penitenti e la Ca' di Dio.
Con la legge fascista del 1937 le Congregazioni di Carità divennero Enti Comunali di Assistenza (ECA), con la possibilità di decentrare gli Istituti di ricovero; da ciò deriva la nascita nel 1939 dell'IRE con lo scopo di amministrare appunto gli istituti di ricovero per anziani e minori. ECA e IRE per ragioni di funzionalità furono federate dal 1941 al 1975, anno in cui gli ECA furono soppressi. L'archivio IRE conserva dunque anche gli atti dell'ECA di Venezia.
Il 1° gennaio 2020 IRE e l’Ipab Antica Scuola dei Battuti di Mestre hanno dato vita al nuovo Ente IPAV – Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane.

Patrimonio: Grazie alla continuità del loro scopo assistenziale, gli ospedali e le Opere Pie hanno tramandato alla Congregazione di Carità ottocentesca e poi all'IRE gli antichi fondi archivistici che documentano la fondazione, l'amministrazione, i lasciti degli antichi istituti veneziani.
L'Archivio conserva i fondi completi delle antiche opere pie: Ospedale dei Derelitti - Ospedaletto (1528); Casa dei Catecumeni (1557); Le Zitelle (1559); Il Soccorso (1580); Le Penitenti (1700).
Fondi parziali: Ospedale dei Mendicanti (1600); Ca' di Dio (1272); Ospizi (secc. X-XVIII).
Per l'Ottocento e fino ai giorni nostri: Casa di Ricovero (ex Ospedaletto); Orfanotrofio maschile ai Gesuati; Orfanotrofio femminile alle Terese; Istituto Manin; Congregazione di Carità.
Le eredità più cospicue dal '600 all'800 arricchiscono gli archivi degli istituti e di interi archivi familiari: i Formenti-Ottoboni; Antonio Massarini; Francesco Moro; i Benzi Zecchini; G.B.Sceriman; gli Astori; Giovanni Conti.
Un fondo musicale di 475 manoscritti viene donato alla Casa di Ricovero nel 1849 dall'abate Germanico Bernardi.
Nel 1981 l'intero Archivio dello studio fotografico Tomaso Filippi (con più di 7.000 lastre degli anni 1880-1920), è donato dalla figlia Elvira alla Casa di Riposo Santi Giovanni e Paolo dell’IRE.
Acquisizioni posteriori al 1975: Archivio dell'ECA; Archivio del Pio Luogo della Maddalena a San Raffaele; Archivio della Fondazione Groggia; Archivio degli Asili di Carità per l'Infanzia.

Strumenti di consultazione:

  • L'archivio IRE. Inventari dei fondi antichi degli ospedali e luoghi pii di Venezia, a cura di Giuseppe Ellero. Venezia, I.R.E., 1987 
  • Schede cartacee e digitali di altri fondi antichi: Patrimoniale, Catecumeni, Soccorso, Benzi Zecchini
  • È a disposizione un cd-rom contenente l'inventario del fondo fotografico Filippi
  • Il sito web www.tommasofilippi.it che consente la libera consultazione on line dell’intero catalogo del fondo Filippi attualmente è in manutenzione e perciò temporaneamente non accessibile. E’ possibile consultare il medesimo catalogo nel Catalogo regionale dei beni Culturali, accedendo al sito della Regione del Veneto al link http://beniculturali.regione.veneto.it/xway-front/application/crv/engine/crv.jsp

Altre informazioni: all'Archivio è annessa una Biblioteca specializzata nella storia dell'assistenza in Italia con particolare riferimento a Venezia. I periodici della biblioteca sono inventariati nel "Catalogo dei Periodici delle Biblioteche Venete".
Il fondo musicale è stato microfilmato e catalogato nel 1990 nell'ambito del progetto A.Co.M. della Regione Veneto. Copia dei microfilm si può richiedere alla Fondazione Levi di Venezia.

Bibliografia:

•    ELLERO G., L'archivio IRE. Inventari dei fondi antichi degli ospedali e luoghi pii di Venezia, Venezia 1987
•    IRE, Arte e musica all'Ospedaletto. Schede d'archivio sull'attività musicale degli ospedali dei derelitti e dei Mendicanti di Venezia, Venezia 1978
•    PULLAN B., La politica sociale della Repubblica di Venezia, 1500-1620, Roma 1982, vol.II, pp. 731-737
•    SEMI F., Gli ospizi di Venezia, Venezia 1983
•    VANZAN MARCHINI N.E., L'Ospedale dei Veneziani. Storia, patrimonio, progetto, Venezia 1986
•    AIKEMA B. – MEIJERS D., Nel regno dei poveri. Arte e storia degli ospedali veneziani nell'età moderna (1474-1797), Venezia 1989 
•    DE SANCTIS S. - NIGRIS N., Il fondo musicale dell'IRE Istituzioni di Educazione e Ricovero di Venezia, Roma 1990
•    RESINI D., Venezia, paesaggio ottocentesco. Le vedute di Tomaso Filippi, fotografo, Venezia 2002
•    LUNARDON S. – ELLERO G., Guida all'Ospedaletto. Itinerario storico, artistico e musicale della Chiesa e Ospedale dei Derelitti, Venezia 2005
•    BRUSEGAN A. – DE ROSSI L., Flammas Carpe Charitatis. L’eredità delle antiche istituzioni caritative veneziane, Venezia 2019

Ultimo aggiornamento: 17-06-2020