"La famiglia del procuratore Luigi Pisani"

La famiglia del procuratore Luigi Pisani

Alessandro Longhi (Venezia, 1733-1813)

Ritratto del procuratore di San Marco Luigi Pisani e la sua famiglia

1758 circa

Olio su tela, cm 255 x 340

Gallerie dell’Accademia, cat. 1355

Acquistata dallo Stato nel 1979 la grande tela rappresenta la famiglia del procuratore di San Marco Luigi Pisani, raffigurato al centro mentre indica i figli, accompagnato dalla moglie Paolina Gambara. Accanto a lui si riconosce il padre, il doge Alvise, già morto alla data dell’esecuzione dell’opera (1758 circa) ed accompagnato dall’allegoria della Giustizia, riconoscibile dal fascio e dalla bilancia. Sulla destra figurano ancora altri due membri della famiglia, forse fratelli di Luigi, uno dei quali indica sul fondo la grande villa di Strà. Il personaggio vestito di nero è forse da identificare con l’abate Giovanni Gregoretti, nel ruolo di precettore dei figli, mentre tutto intorno si riconoscono alcune virtù e oggetti allusivi ai diletti e agli interessi culturali della famiglia. Firmato in modo incompleto sul mappamondo l’opera è tra quelle di maggiore impegno della prima attività di Alessandro Longhi, principale ritrattista della Venezia del secondo Settecento e figlio del celebre pittore Pietro. La destinazione privata del dipinto, che resta comunque un’effige ufficiale dai toni encomiastici, giustifica la rappresentazione in abiti “civili”, compresi quelli del doge Alvise, e la rappresentazione dei famigliari intenti in un sereno momento informale, arricchito dall’aneddoto del personaggio di nero vestito che offre il caratteristico bussolà veneziano ad uno dei bambini. I tratti quasi evanescenti delle allegorie di contorno contrastano con le accentuazioni realistiche dei volti, in particolare di Paolina e della figura vestita di nero, che denotano un intento da parte del pittore di sondare psicologicamente i personaggi e di catturare l’intesa sottile di un ménage familiare allargato, quasi a far rivivere su grande scala alcune atmosfere tipiche della produzione del padre Pietro. 

Michele Nicolaci

© G.A.VE Archivio fotografico – “su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo - Gallerie dell’Accademia di Venezia” 

Ultimo aggiornamento: 05-01-2021