MUSEO HEMINGWAY E DELLA GRANDE GUERRA - VILLA CA' ERIZZO LUCA

La quattrocentesca Villa Cà Erizzo costituisce uno dei contesti architettonici più pittoreschi della Bassano antica evidenziando una straordinaria varietà di soluzioni architettoniche che si sovrappongono ad antiche originarie preesistenze quattrocentesche ancora ben leggibili.
Il corpo a sud ha subito sopraelevazioni, ampliamenti e rifacimenti in epoche diverse; tali opere di "abbellimento" hanno conferito più prestigio all'antica dimora mediante una serie di grandi e piccoli ambienti e di " corridoi che rendono tutto l'interno sempre più ricco di sorprese per la varietà delle soluzioni architettoniche , la ricchezza di affreschi, degli stucchi, di porte dipinte a scene pastorali o impreziosite da intarsi, di quadri e mobili antichi...".
Nella parte centrale della villa emergono ampi scaloni affrescati che conducono ai piani superiori; tutti gli ambienti della parte nord della villa sono di straordinaria fattura, con volte piene, a spicchi, a crociera, tipici dell'architettura quattrocentesca che costituiscono carattere di unicità per Bassano e prestigio per l'architettura che sottendono.
In una parte della Villa Cà Erizzo ha sede il Museo Hemingway e della Grande Guerra che ospita una “Collezione Hemingway” con una vasta documentazione.
Il museo occupa cinque grandi locali situati a livello strada con accesso diretto da essa. La parte espositiva è formata da 58 grandi pannelli, ricchissimi di spiegazioni storiche, di fotografie e di testimonianze. La sua peculiarità, al di là del potere evocatore del grande evento funesto e dell’esauriente illustrazione dei suoi passaggi cruciali, è quella di fornire una testimonianza, unica in Italia, sulla partecipazione degli Stati Uniti alla Prima Guerra Mondiale.
Nella sala d’ingresso, Hemingway accoglie il visitatore con i suoi romanzi ispirati dalla Grande Guerra: “Addio alle armi” e “Di là dal fiume e tra gli alberi”. Passando alle altre sale, le tappe salienti della Grande Guerra si succedono con ritmo incalzante, sempre ricchissime di documentazioni inedite e non riscontrabili in musei analoghi.
Nel 1918 villa Cà Erizzo fu residenza della Sezione Uno delle ambulanze della Croce Rossa Americana.
Tra quei volontari autisti c’era anche Ernest Hemingway, il cui racconto MS 843 del 1919 intitolato “The Woppian Way” o “The passing of Pickles McCarty” prende le mosse proprio da Ca’ Erizzo e dagli Arditi ch’erano ivi pure accantonati.
Questo è il motivo per cui si è voluto dedicargli questo importante spazio e allestimento storico-culturale.
Di questo noto personaggio del mondo della letteratura e non solo, in anni di paziente ricerca, si è voluto raccogliere una vasta documentazione archivisticofotografica, nonché numerose sue opere editoriali, in diverse edizioni in lingua italiana e straniera. Lo stesso dicasi per rare e originali riviste, che hanno voluto ampiamente trattare della sua vita e della sua attività.

Dettagli

Provincia

VI

Comune

BASSANO DEL GRAPPA

Indirizzo

VIA CA' ERIZZO 19

CAP

36061

Informazioni Biglietti

INTERO 5 EURO, RIDOTTO 3 EURO (6-12 ANNI, OVER 65, STUDENTI UNIVERSITARI UNDER 26), OMAGGIO (UNDER 6 ANNI, DISABILI, GUIDE TURISTICHE)

Telefono

0424/529035

Fax

0424/529035

Telefono Per Prenotazione

0424/529035

Fax Per Prenotazione

0424/529035

Percorsi in cui il museo è presente

Percorso culturale

Case Museo: letteratura, dal paesaggio interiore a quello esteriore

Il paesaggio per gli scrittori è sempre una fonte di ispirazione: per guardarsi dentro, a cercare memorie e visioni, e per osservare oltre le finestre di casa un paesaggio in continua mutazione.