MUSEO LETTERARIO "IPPOLITO NIEVO"

La prima testimonianza di una struttura fortificata a Fratta risale al 1186: data la posizione strategica, si ritiene che il castello sia sorto per necessità di difesa contro gli invasori che irruppero fin dal IX secolo sulla pianura friulana e veneta. L’unico edificio superstite dell’insediamento castellano è la struttura rurale padronale denominata Cortino edificio a pianta rettangolare con un porticato a tre archi acuti.

Uscendo dal museo, un breve sentiero conduce al Giardino di Marte e Flora: opera realizzata negli anni Novanta dall’Amministrazione Comunale, il parco comprende un’interessante area verde caratterizzata dalla ricostruzione delle mura di cinta dell’antico castello con partiture arboree e del complesso palaziale centrale con un suggestivo labirinto a raso. Immersi nel verde del parco sono visibili anche i pochi resti archeologici venuti alla luce durante gli scavi: si possono riconoscere due pozzi e un breve tratto delle mura castellane. In base alla documentazione iconografica è stato ricostruito anche l’antico terrapieno, che costituiva la prima cinta difensiva, strutturandone il declivio a spalti per un teatro all’aperto.

Le diverse specificità del Cortino vengono presentate attraverso tre percorsi: Cortino in Silvis, Frutteto antico e Le rose del Cortino, rispecchianti le differenti componenti presenti ma tra di loro complementari.

Dettagli

Provincia

VE

Comune

FOSSALTA DI PORTOGRUARO

Localita

FRATTA

Indirizzo

VIA CASTELLO 1

CAP

30025

Telefono

+390421248248

Fax

+390421248248

Telefono Per Prenotazione

+390421248248

Fax Per Prenotazione

+390421248248

Eventi che si svolgono in questo museo

Eventi

Il 30/10/2021

Spettacolo-Concerto: “Pasolini e la peste”

Gli Autostoppisti del magico sentiero sono un progetto musicale/performativo che nasce dalle terre basse e umide di quel Friuli tanto caro a (...)

Fossalta di Portogruaro (VE) - Cortino del Castello di Fratta

Percorsi in cui il museo è presente

Percorso culturale

Case Museo: letteratura, dal paesaggio interiore a quello esteriore

Il paesaggio per gli scrittori è sempre una fonte di ispirazione: per guardarsi dentro, a cercare memorie e visioni, e per osservare oltre le finestre di casa un paesaggio in continua mutazione.