PALAZZO ROVERELLA - PINACOTECA DELL'ACCADEMIA DEI CONCORDI E DEL SEMINARIO VESCOVILE


L'importante collezione di arte veneta dal XV al XVIII secolo, che costituisce la Pinacoteca dell'Accademia dei Concordi, è frutto della passione per la pittura di alcune nobili famiglie rodigine che nell'Ottocento donarono le loro quadrerie al prestigioso istituto.

Nello splendido edificio quattrocentesco, antica dimora della famiglia Roverella, si possono ammirare i capolavori di importanti artisti come Nicolò di Pietro, Giovanni Bellini, Palma il Vecchio, Sebastiano Mazzoni, Giambattista Piazzetta, Giambattista Tiepolo, Alessandro Longhi e Rosalba Carriera. Il percorso museale è arricchito dalle stupende opere della collezione del Seminario Vescovile di Rovigo, entrata a far parte della pinacoteca accademica dal 1982, che vanta dipinti di Bernardo Strozzi, Luca Giordano, Pietro Bellotti, Daniel Van den Dick, Fra' Galgario e Pietro Longhi. Per la prima volta il pubblico potrà ammirare una preziosa raccolta di dipinti fiamminghi, tra cui spicca il capolavoro rinascimentale di Jan Gossaert: la Vanitas Ad arricchire ulteriormente il percorso, una spettacolare veduta ottocentesca del bacino di San Marco di Giovanni Biasin e un importante nucleo del pittore di origine rodigina Mario Cavaglieri.

Inoltre ogni anno, da fine gennaio a metà giugno, la nostra collezione si arricchisce di nuovi capolavori grazie alle mostre temporanee che vengono allestite nelle sale del Palazzo.



Dettagli

Provincia

RO

Comune

ROVIGO

Localita

ROVIGO

Indirizzo

VIA LAURENTI 8/10

CAP

45100

Telefono

0425460093

Fax

042527993

Telefono Per Prenotazione

0425460093

Fax Per Prenotazione

042527993

Beni correlati presenti nel museo Vedi tutti

Beni Archeologici

Asta / epoca antica

Asta a sezione rettangolare,internamente cava, con base piatta. (...)

Eventi che si svolgono in questo museo

Eventi

Dal 26/04/2021 Al 04/07/2021

VEDERE LA MUSICA - L’arte dal Simbolismo alle avanguardie

Il tema dei rapporti tra la musica e le arti visive nell’età contemporanea ha conosciuto negli ultimi decenni una rinnovata fortuna critica, ma non è (...)

Rovigo (RO) - Palazzo Roverella