Giorgio de Chirico. "Biennale a fuoco" 1950-1954

Curata da Stefano Cecchetto e Roberto Zamberlan in collaborazione con il Museo Rimoldi.

Partendo dal carteggio tra Giorgio de Chirico e i mercanti d'arte veneziani Giorgio e Uccia Zamberlan, viene ricostruita la vicenda legata alle mostre "Antibiennali", organizzate dall’artista a Venezia dal 1950 al 1954.

De Chirico entrò in polemica con la Biennale di Venezia e con il critico Rodolfo Pallucchini, che nel 1948 aveva dedicato una sala alla pittura Metafisica con la presentazione di opere non gradite al Maestro; denunciò la Biennale per aver esposto un suo falso dipinto: Il Trovatore. L'artista decise dunque di organizzare, ogni 2 anni, mostra personale, mirata a proclamare la sua pittura come emblema della 'vera arte' contro l'arte 'modernista' esposta alla Biennale.
Per il forte legame che unì de Chirico a Giorgio Zamberlan e lo stesso Zamberlan a Mario Rimoldi, la mostra è stata pensata all'interno del Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi; tra l'altro, alcuni dipinti presenti alle "Antibiennali” sono stati poi ceduti a Rimoldi dallo stesso Zamberlan e ora fanno parte della prestigiosa collezione del Museo.

INFO E ORARI
8-10 dicembre 2023: 10.30-12.30 e 15.30-19.30.
12-21 dicembre 2023: 15.30-19.30 - chiuso il lunedì.
22 dicembre 2023 - 7 gennaio 2024: 10.30-12.30 e 15.30-19.30 - aperto tutti i giorni escluse le mattine del 25 dicembre 2023 e del 1° gennaio 2024.
9 gennaio - 1 aprile 2024: 15.30-19.30 - chiuso il lunedì (tranne il 1° aprile).


Dettagli

Data / Ora

Dal: 07/12/2023 Al: 01/04/2024

Location

Museo d'Arte Moderna Mario Rimoldi

Indirizzo

Corso Italia, 69

Comune

Cortina d'Ampezzo

Provincia

BL

Museo correlato

MUSEO D'ARTE MODERNA "MARIO RIMOLDI"
Musei

MUSEO D'ARTE MODERNA "MARIO RIMOLDI"

Il Museo è stato inaugurato nel 1974 a seguito della donazione pervenuta alle Regole d'Ampezzo da parte di Rosa Braun, vedova di Mario Rimoldi, collezionista di Cortina d'Ampezzo. Artisti come de Pisis, De Chirico, Sironi, Campigli e Music, frequentatori della conca ampezzana, instaurano con il collezionista Mario Rimoldi una fruttuosa amicizia. Nel 1941, quando si apre a Cortina la prima Mostra delle collezioni d'arte contemporanea, la collezione di Mario Rimoldi è già delineata: spiccano gli splendidi de Pisis, i Morandi, i Semeghini, i Rosai, i Campigli, i Sironi, il Garbari, il Severini, il Tosi e il Guidi. Nel dopoguerra entrano nella collezione le opere sperimentali di artisti già rappresentati con quadri figurativi. Il collezionista s'interessa ad artisti legati al filone figurativo e all'ambiente veneto, come Cadorin, Cesetti, Saetti, Tomea e Depero, con aperture anche verso nuovi movimenti che si vanno formando fuori dal Veneto. La collezione si arricchisce de La Zolfara di Guttuso e di opere dei protagonisti della nuova sperimentazione, come Corpora, Crippa, Dova, Morlotti, Music, Santomaso, Vedova. Scopre anche artisti stranieri, come Kokoschka, Leger, Villon, Zadkine, e si accosta ai protagonisti delle neoavanguardie, agli astratti degli anni Cinquanta. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha dichiarato la collezione di interesse culturale per essere l'esito di un'attività collezionistica sviluppatasi in un cinquantennio e tale da costituire uno degli insiemi più significativi in Italia per l'arte del XX secolo; per la presenza di alcuni capolavori di autori come Savinio, Garbari, Depero, Guttuso e di alcuni consistenti nuclei che risultano imprescindibili per lo studio di de Pisis, Sironi, De Chirico, Semeghini, Tomea, Tosi, Campigli. Nell'esposizione permanente spiccano la Chiesa di Cortina e il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, lo Squero di San Travaso di Semeghini, la Zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, l'Ile des charmes di Savinio e il Concerto di Campigli.   (...)