Montagne, Attese e Misteri

A 50 anni dalla sua scomparsa la sezione del Club Alpino italiano di Oderzo celebra lo scrittore bellunese Dino Buzzati con tre serate culturali e una mostra fotografica, il tutto nella splendida cornice di Palazzo Foscolo e del Museo Archeologico “Eno Bellis” di Oderzo, dal 12 al 24 novembre.

Un ricco programma si sviluppa nell'arco di queste settimane. Si parte sabato 12 novembre alle ore 18 con la serata inaugurale della mostra fotografica e l'incontro sul tema “Il rapporto di Buzzati con la montagna, la sua Val Belluna e il paesaggio veneto tra realtà e mistero”. Intervengono Patrizia Dalla Rosa, responsabile della Ricerca del Centro Studi Buzzati; Giuliano Dal Mas scrittore, socio accademico del CSM; Manrico Dell’Agnola, alpinista e professionista dell’immagine, socio accademico del CSM. Moderatore dottor Stefano Talamini.

Si procede giovedì 17 novembre ore 20.45, Federica D’angelo presenta Tutto DINO BUZZATI in 39 ex-voto: da “I miracoli di Val Morel” al Buzzati meno conosciuto.

Nel mese di dicembre giovedì 16 alle ore 20.45 ci sarà il recital teatrale di e con Paola Brolati, autrice e attrice solista: “A strapiombo sull'acqua", monologo teatrale da scritti di Dino Buzzati sul connubio tra monti e laguna.

Nel frattempo al Museo Archeologico sarà allestita la mostra fotografica “Il paesaggio buzzatiano tra mistero e realtà” alla sala delle anfore visitabile dal 12 novembre al 24 novembre.

Evento per celebrare Dino Buzzati a 50 anni dalla scomparsa.

Dettagli

Date

Dal: 12/11/2022 Al: 24/11/2022
Il: 16/12/2022

Ora

Venerdì: 14:00 Sabato: 14:00 Domenica: 14:00

Location

Palazzo Foscolo, presso il Museo "Eno Bellis"

Indirizzo

Via Garibaldi, 65

Comune

Oderzo

Provincia

TV

Email

fondazione@oderzocultura.it

Museo correlato

PINACOTECA "ALBERTO MARTINI"
Musei

PINACOTECA "ALBERTO MARTINI"

L’atto di nascita della Pinacoteca Alberto Martini coincide con la mostra antologica che Oderzo gli dedica nel settembre 1967, e la donazione relativa da parte della vedova Maria Petringa. A partire da quella data la collezione progressivamente si arricchisce di opere, molte delle quali ispirate a significativi cicli letterari, tra tutti i trecento lavori per la Divina Commedia dantesca e i disegni dedicati ad Edgar Allan Poe. L’esposizione propone attualmente una selezione di oltre centocinquanta opere - esposte e scelte a rotazione tra le settecento acquisite - a china, olio e pastello, comprensiva di alcuni significativi lavori simbolisti e protosurreali degli anni Trenta. Il percorso è inteso a favorire insieme al piacere della visita, una suggestiva rilettura dell’ampia produzione martiniana. Gioca un ruolo rilevante in questo ambito il prezioso e inedito archivio personale, una parte del quale illustrato nel salone principale della galleria che, dal 2007, ospita anche la nuova sezione dedicata a ”La Danza Macabra Europea“ , ciclo grafico realizzato da Martini tra il 1914 e il 1916 e dedicato alla Prima Guerra Mondiale.  (...)