agoràio

Beni Etnoantropologici Materiali
agoràio = guciarólo/guselaro/penarólo

Dettagli

Collocazione specifica

Ecomuseo della paglia nella tradizione contadina

Localizzazione geografico-amministrativa attuale

MAROSTICA (VICENZA)

Uso

contenitore per aghi e setole - l'agoraio conteneva in epoche risalenti le setole più lunghe e dure del maiale, che servivano a guidare lo spago che cuciva la tomaia sulla suola; lo spago era ottenuto mediante l'attorcigliamento di vari, sottili fili di canapo, strusciati sulla pece per collarli assieme e garantire l'impermeabilità; le setole del maiale, sufficientemente flessibili, permettevano appunto di infilare il cordino nei fori ottenuti con la lesina. In tempi più recenti le setole sono state sostitutite da aghi di acciaio, anch'essi flessibili ma più resistenti all'usura

Cronologia Fabbricazione

sec. XX, inizio

Localizzazione geografico-amministrativa

VI, MAROSTICA, Crosara

Materia e Tecnica

legno (tornitura/filettatura)

Misure

cm 8.5

Link scheda estesa

Scopri di più

Museo correlato

Musei

ECOMUSEO DELLA PAGLIA NELLA TRADIZIONE CONTADINA

La storia, che è maestra di vita, ci insegna a non dimenticare nel ritmo incalzante della società attuale le nostre origini ben radicate nella civiltà rurale, della quale l'Ecomuseo di Crosara vuole essere l'attento e documentato custode, ma anche luogo d'incontro, sia materiale che ideale, tra generazioni diverse per una reciproca conoscenza e per una sempre più consapevole, rispettosa e proficua convivenza. Nelle sale è rivolta particolare attenzione al tema principale dell'Ecomuseo, la tecnica di lavorazione della paglia in agricoltura e nell'artigianato domestico, che ha coinvolto migliaia di contadini nella zona collinare e montana dell'Altopiano dei Sette Comuni dal 17° alla prima metà del 20° secolo. Altre due sale sono dedicate rispettivamente alla ciliegia tardiva, prodotto tipico delle colline marosticensi, di cui continua la produzione e ad ambientazioni delle dimore rurali e artigianali di un tempo.  Viene inoltre riservato spazio, di volta in volta, ad aspetti non materiali della nostra tradizione, ma strettamente collegati ad essa. (...)