coppa / Ennion / sec. I d.C. (secondo quarto)

Ennion
La coppa, probabilmente appartenuta al medesimo contesto tombale da cui proviene anche la seconda coppa "ennoniana" conservata ad Adria (RA 05/0013227), è confrontabile con un altro esemplare del British Museum, probabilmente sempre di provenienza adriese, con altri due pezzi nord-italici, rinvenuti ad Aquileia e a Bagnola (BS) ed infine un quarto pezzo, appartenuto alla Collezione Sangiorgi ed ora conservato al Corning Museum of Glass. Ennion è un artigiano probabilmente sidonio, come suggerisce anche l'origine semitica del nome, la cui attività si colloca nell'arco di circa un cinquantennio, compreso tra l'età tardo-tiberiana/inizio del periodo claudio e il 70 d.C. circa, come indicano i reperti più recenti, rinvenuti in un edificio di Gerusalemme. I prodotti comprendevano un ricco repertorio di forme (brocche, anfore, anforiskoi esagonali, kantharoi, coppe cilindriche e globulari) ed erano ampiamente diffusi nelle regioni orientali, in Grecia, in Italia, in particolare nella pianura padana, e nelle Province Occidentali (Spagna, Francia, Paesi Bassi e forse Germania meridionale). Secondo gli ultimi orientamenti della critica, quest'ampia distribuzione dei reperti non è giustificabile tanto sulla base di uno spostamento dell'atelier dall'Oriente all'Italia settentrionale, come invece è stato ipotizzato da D.B. Harden e da altri studiosi; quanto piuttosto sulla base di intensi scambi commerciali che oltre ai prodotti finiti coinvolgevano anche le matrici, come accade per altre classi di materiali. Nell'antichità, poiché non esistevano leggi che tutelavano il marchio, era possibile ricavare da un originale una nuova matrice e riprodurre facilmente esemplari identici, differenti solo per le dimensioni più piccole o per altri particolari, quali l'assenza della firma e lievi differenze nella forma. Tali, per esempio, sono due coppe appartenute al corredo funerario di una sepoltura a incinerazione della Necropoli Nord-orientale della Via Annia di Altino, prodotte da un'officina dell'Italia settentrionale a imitazione dello stile sidonio. Altre probabili imitazioni sono una coppa rinvenuta in località Stangheletti a Villa Bartolomea (VR) e un frammento di pisside, proveniente dalla località Massaua, sempre presso Villa Bartolomea (VR) (Larese 2004, p. 18).

Descrizione

Coppa con orlo verticale e labbro tagliato, vasca cilindrica a pareti verticali, fondo convesso con basso piede ad anello, due anse verticali ad orecchia applicate nella metà superiore della parete. La superficie della vasca realizzata con una matrice a tre valve è suddivisa in due registri, di cui quello superiore presenta, su un lato, due tralci di vite che fiancheggiano una tabella ansata con iscrizione greca che ENNION/EPOIE/SEN; sull'altro lato si trova una seconda tabella ansata, sempre iscritta con caratteri greci riporta MNEZE/OAGORA/ZNO, tra due tralci d'edera. Una colonna ionica stilizzata separa alle estremità i due motivi decorativi; il registro inferiore è decorato da baccellature verticali. Il fondo, ornato da un motivo a reticolo e cerchi concentrici che costituiscono il piede, è realizzato con un ulteriore elemento di matrice. Vetro blu, trasparente.

Dettagli

Tipologia

Beni Archeologici

Collocazione specifica

Museo Archeologico Nazionale di Adria

Localizzazione geografico-amministrativa attuale

ADRIA (ROVIGO)

Materia tecnica

vetro/ soffiatura dentro matrice

Misure

cm. 6,1 x 0,2 (orlo)/ 0,3 (ansa) x 9,4 (orlo)/ 4,7 (fondo)

Definizione culturale

(attr.)

Link scheda estesa

Scopri di più

Museo correlato

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ADRIA
Musei

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ADRIA

Il Museo, circondato da un ampio parco pubblico con istallazioni per attività ludiche ed educative, ha come obiettivo la valorizzazione del patrimonio archeologico di Adria, il cui nome è indissolubilmente legato al Mare Adriatico.  Il cuore della città greca ed etrusca, fondata all’inizio del VI secolo a.C., si trova in corrispondenza con il settore meridionale del centro attuale, mentre a sud, est e nord si estendevano le necropoli. Le scoperte sono iniziate tra ‘700 e ‘800, grazie ad illustri rappresentanti della famiglia Bocchi; in particolare Francesco Girolamo e Francesco Antonio identificarono per primi l’importanza archeologica di Adria. Il loro ‘domestico museo’, che ospitava una collezione di decine di migliaia di reperti, fu visitato dai più famosi archeologi e da rappresentanti delle nobili famiglie europee.La collezione forma oggi il cuore del museo, arricchita dai numerosi rinvenimenti provenienti dagli scavi recenti. Il museo illustra le caratteristiche di Adria nell'antichità: la vita quotidiana, i rituali funerari, il delicato passaggio all’epoca romana e la fase romana imperiale, con particolare attenzione alla sua caratteristica di città multietnica, vero ricettacolo di diverse tradizioni, lingue, cultura, istanze religiose. Tra i nuclei più importanti delle collezioni museali si collocano i numerosi reperti di ceramica attica a figure nere e rosse, i preziosi rinvenimenti dalle necropoli, arcaiche ed ellenistiche, arricchite da oggetti in ambra e pasta vitrea oltre che dalla gioielleria etrusca in oro e argento. Famosa è la cosiddetta ‘Tomba della Biga’, del III secolo a.C., con carro deposto con la sua pariglia di cavalli e con un terzo cavallo, da sella, al seguito. Il contesto di scavo, recuperato nel 1938, forma uno dei focus di attenzione nella visita delle necropoli ellenistiche. Nelle sezioni dedicate alla romanizzazione e all’età imperiale spiccano i documenti di riorganizzazione del territorio, come il miliare di Popilio Lenate, che testimonia del transito della via Popillia in città, e alcune decorazioni di carattere monumentale. L’attenzione è attratta dalla spettacolare vetrina dei vetri romani, dove vetri soffiati a mano libera e in matrice, a nastri policromi, murrini, a reticolo, ad intaglio sono valorizzati attraverso una gestione computerizzata dell’illuminazione. Le ultime sezioni del museo illustrano lo sviluppo della zona costiera nei periodi più tardi dell’impero, attraverso i rinvenimenti di San Basilio di Ariano nel Polesine e di Corte Cavanella di Loreo, dove due mansiones, stazioni di posta, rendevano più agevole il transito lungo la via Popillia costiera. Gli orari di apertura possono subire variazioni. E' pertanto consigliato di verificare tramite contatto telefonico. (...)